Statistiche web Orta 10 Marathons in 10 Days con Giorgio Calcaterra - IUTA Italia

Orta 10 Marathons in 10 Days con Giorgio Calcaterra

Si avvicina la Orta 10 Marathons in 10 Days, manifestazione organizzata dal Club Super Marathon Italia, che quest’anno avrà luogo dal 6 al 15 agosto a Gozzano (NO). Le distanze previste per l’evento estivo, che richiama molto atleti italiani e stranieri sono: 10km, mezza maratona, maratona e 50km. La 50km del 15 agosto è prova del 20° Grand Prix IUTA 2022 di Ultramaratona e dei Criterium Regionali Fascia Nord. Inoltre è previsto il Challenge Orta 10 in 10, che comprende le 10 gare di 50km, al quale possono partecipare solo gli atleti tesserati IUTA.

Tra i nomi di rilevo sulla distanza di maratona, Adam Holland e Giorgio Calcaterra, il nome italiano più noto nel mondo delle ultra distanze, che sarà presente per la 3^ volta all’evento, che cerca di coniugare sport e vacanza.

Ecco qui una scheda di Giorgio, il quale quest’anno è passato alla cat. SM50.

BIOGRAFIA

Giorgio Calcaterra è nato a Roma l’11 febbraio 1972. Dopo essersi diplomato al liceo scientifico, nel 1995 inizia a lavorare come tassista presso una cooperativa della Capitale. La passione per la corsa nasce all’età di 10 anni: il 14 marzo del 1982 ‒ incoraggiato dal padre ‒ partecipa alla stracittadina della Maratona di Roma. Da lì in poi Calcaterra non si ferma più. Nel 1990, compiuti 18 anni, partecipa alla Maratona di Roma, completandola in 3h29’. Dopo questa fugace esperienza trascorrono otto anni prima che Giorgio torni a cimentarsi sui 42,195 km: nell’ottobre del 1998 gareggia a Grottazzolina (AP). Da allora il “tassista volante” ha inanellato in giro per il mondo una serie impressionante di maratone, arrivando a correrne 175 a tutto il 2008, 31 nel solo 2004. Nel 2000 ‒ oltre a realizzare il primato personale con 2h13’15” ‒ stabilisce il record mondiale di maratone corse in un anno sotto le 2h20’ (16), ricevendo per questo un prestigioso riconoscimento dalla rivista specializzata americana Runners’s World. Dopo alcune esperienze nelle gare di 50 km, Giorgio nel 2006 decide di fare il grande salto partecipando alla classicissima 100 km del Passatore Firenze – Faenza. L’esordio è da urlo: vittoria in 6h45’ e titolo italiano. Il grandissimo risultato lo proietta subito nel giro della Nazionale di Ultramaratona, con la quale prende parte ad altre edizioni del Campionato Mondiale ed Europeo 100 km su strada. Gareggia quasi ogni weekend, il che gli ha consentito di partecipare fino a oggi a più di 1˙000 gare nella sua lunga carriera agonistica. Oltre alle innumerevoli vittorie e piazzamenti di prestigio, ha fatto registrare un solo ritiro, nella fattispecie al Mondiale di 100 km del 2007. In totale Giorgio ha completato 303 maratone + 69 ultra, per un totale di 372 gare.

ULTRAMARATONA

Dopo anni in cui ho corso svariate maratone, le 42,195 km mi sono sembrate gare “facili”. Per facili non intendo che era facile correre veloci, ma semplicemente che i 42,195 km ‒ senza badare all’andatura ‒ avrei potuto improvvisarli in un qualsiasi giorno. La 100 km, e in particolare il mitico Passatore, no, non era una cosa così “semplice”! Avevo sentito racconti che me l’avevano fatta sembrare una gara tostissima! Ti si gonfieranno i piedi e a un certo punto dovrai cambiarti perché sentirai freddo, mi aveva detto un atleta che l’aveva corsa! E molti altri mi avevano raccontato le tante altre difficoltà!

Conclusione: il Passatore per me era diventata una sfida!

Quello che prima era stata la maratona ora era diventata la 100 km!

In realtà, ho visto che ‒ almeno per chi riesce a correrla intorno alle sette ore ‒ la 100 km è una gara come tutte le altre, si parte e si arriva senza fermarsi mai. Non è vero che i piedi si gonfiano e sul finale si può sprintare come si farebbe in una gara più corta! Ci si riscalda prima della gara e si defatica subito dopo. Il giorno dopo si è un po’ affaticati, ma si riesce a correre lo stesso!

La 100 km è stata ed è per me una bellissima esperienza!

GARE ULTRA[1]

2003: 1 gara.Pistoia-Abetone Ultramarathon – 50 km, 1° in 3h41’01”.

2004: 1 gara. 1 gara. Pistoia-Abetone Ultramarathon – 50 km, 1° in 3h30’20”.

2005: 1 gara. 1 gara. Pistoia-Abetone – 50 km, 3° in 3h46’55”.

2006: 6 gare, con debutto sulla 100 km al Passatore (27.5), 1° in 6h45’24”. 1° al Campionato Mondiale 50 km a Misari/Seul in 3h09’27” (nuovo personale). 1° alla 100 km degli Etruschi (11.11). 

2007: 4 gare. 1° alla 100 km del Passatore (26.5) in 6h49’02”. 1° alla 100 km degli Etruschi (10.11).

2008: 3 gare. 1° nel Campionato Mondiale ed Europeo 100 km nella 100 km degli Etruschi (8.11) in 6h37’41” (nuovo personale). 1° alla 100 km del Passatore (31.5) in 6h37’45”.

2009: 3 gare. 3° al Campionato Mondiale 100 km a Torohut (19.6) in 6h42’05” e 2° al Campionato Europeo 100 km (stessa gara). 1° alla 100 km del Passatore (30.5) in 6h56’36”.

2010: 4 gare. 1° alla 100 km di Seregno (21.3) in 6h28’49” (nuovo personale) e 1° alla 100 km del Passatore (29.5) in 6h51’29”.

2011: 4 gare. 1° al Campionato Mondiale ed Europeo 100 km (10.9) a Winschoten in 6h27’32” e 1° nella 100 km del Passatore (28.5) in 6h25’46” (nuovo personale)

2012: 4 gare. 1° nel Campionato Mondiale ed Europeo 100 km (22.4) a Seregno in 6h23’20” (record personale). 1° alla 100 km del Passatore (26.5) in 6h44’49”.

2013: 4 gare. 1° al Campionato Italiano 100 km alla 100 km del Passatore (25.5) in 6h39’59”

2014: 3 gare. 87° al Campionato Mondiale 100 km (21.11) in 8h29’59”. 1° nella 100 km del Passatore (24.5) in 7h05’06”.

2015: 2 gare. 3° nel Campionato Mondiale ed Europeo 100 km (12.9) a Winschoten in 6h36’49” e 1° alla 100 km del Passatore (30.5) in 7h08’04” (decimo successo consecutivo).

2016: 5 gare. 7° al Campionato Mondiale 100 km (27.11) a Los Alcazares in 6h41’17”. 1° alla 100 km del Passatore (28.5) in 6h58’14”.

2017: 1 gara. 100 km del Passatore (27.5) 1° in 7h03’54” (12^ vittoria consecutiva).

2018: 5 gare: 1° alla 6 ore del Parco Nord 79,626km. 1° alla 6 ore di Mondello 62,000km

2019: 3 gare: 4° alla 6 ore del Parco Nord 76,276km.

2021: 4 gare: 1° alla Corsa dei Record 76,684km. 1° 6 ore del Parco del Nord 86,083km

2022: 3 gare: 6 ore del Parco del Nord 1° con 84,810km. 3^ al 100 km del Passatore (22.05) in 7h39’30”.

Totale 69 ultramaratone.

INTERVISTA

Come ti sei avvicinato all’atletica e in particolare alle corse di lunga distanza? È stato difficile coniugare all’inizio attività lavorativa e corsa? All’atletica mi sono avvicinato grazie a mio papà. Un giorno abbiamo visto un manifesto di una gara. Lui mi ci ha portato, ci è piaciuto e così abbiamo cominciato a gareggiare spesso. La mia partecipazione alle gare lunghe è poi venuta spontaneamente: la voglia di correre e la curiosità di provare tutte le distanze era per entrambi molta e così, pian pian abbiamo aumentato i chilometri! Corro da quando avevo 10 anni, per me la corsa è sempre stata parte integrante della mia vita… Certo, qualche sacrificio per far entrare tutto nell’arco della giornata l’ho fatto e continuo a farlo, ma sempre volentieri.

Anche oggi, quanto tempo dedichi alla preparazione delle gare e come riesci a conciliarlo con il lavoro? Il mio lavoro mi dà libertà di orari, e quindi riesco a trovare sempre un po’ di tempo per correre. L’importante è non perdersi d’animo e andare a correre anche se è tardi o se si ha poco tempo.

Ricordiamo a tutti che nel 2006, alla prima partecipazione, hai vinto la 100 Km del Passatore (Firenze – Faenza). Come affronti , tecnicamente, una gara di lunga distanza come questa 100 km? L’ho sempre affrontata in maniera molto istintiva. Spesso sono partito forte e poi ho avuto delle crisi, che per fortuna non sono mai state grandissime! È sbagliato, lo so, e spero di imparare a gestirla meglio. 

Ora vorremmo affrontare qualche punto più “tecnico”. Che differenze ci sono, dal punto di vista della preparazione psico-fisica, fra la maratona e le ultra distanze? Nelle ultra distanze conta molto la testa. Per carità anche nella maratona conta, ma in una cento è tutto amplificato. Quando si è al 30° km, ne mancano 70 e se ci si comincia a pensare nella maniera sbagliata, si rischia di mollare di testa. Nelle ultra quindi bisogna allenarsi ad accettare la distanza, a non pensare troppo ai chilometri che mancano o a pensarci nella giusta maniera. Correre dei lunghi in solitudine, può essere uno dei modi per prepararsi psicologicamente ad accettare tutti quei chilometri. Nella maratona si pensa più ai ritmi mentre nella 100 km più alla distanza. Così negli allenamenti della maratona si fanno ripetute e medi, mentre per la 100 si fanno solo chilometri. 

Nel tuo caso che importanza assume l’alimentazione? L’alimentazione è molto importante sia prima che durante. Io per anni ho esagerato e per paura di rimanere senza “benzina” la sera mangiavo troppo. Non bisogna esagerare né in un senso né nell’altro. Ma è il cibo che ci consente di correre e bisogna farci attenzione!

A tuo avviso ci sono degli effetti negativi legati all’attività sportiva? Per chi sta fisicamente bene, non ci sono effetti negativi nell’attività sportiva, a patto però di non esagerare. Spesso noi podisti andiamo troppo oltre i nostri limiti e non procediamo con la giusta gradualità, e di conseguenza ci infortuniamo.

 W la corsa. In bocca al lupo a tutti noi che la pratichiamo e la seguiamo. Grazie a chi ha avuto la voglia di farmi, di pubblicare e di leggere questa mia intervista.

MIGLIORI RISULTATI

Nel 2000 ho stabilito il record mondiale di maratone corse in un anno solare sotto il limite delle 2h20′, correndone 16. Nell’aprile del 2005 ho corso una Maratona a Padova in 2h20’ e il giorno dopo un’altra a Martinsicuro in 2h21’ (vincendola). Dal settembre del 1998 ho corso circa 150 maratone vincendone una quarantina, di cui tre all’estero: Luxor 2002, Helsinki 2003, Utrecht 2005. Nel 2006 ho vinto due titoli italiani, rispettivamente sui 50 km e sui 100 km. Sempre nel 2006 ho vestito la maglia azzurra partecipando ai Mondiali di 100 km a Seoul e classificandosi all’11° posto.

IL NEGOZIO SPORTIVO

http://www.calcaterrasport.it/shop/img/st/1.jpg

Siamo un negozio specializzato in running. Abbiamo cominciato la nostra attività dal settembre 2001 e da allora la nostra sede è in via Germanico 95 a Roma (zona San Pietro). Siamo aperti dal lunedì al sabato dalle ore 9.30 alle 19.45. Il negozio è gestito da mia sorella Lidia e da me, Giorgio. Siamo entrati nel mondo del running nel 1982, anno in cui nostro papà Antonio ci ha trasmesso la passione per la corsa. Io dal 1982 a oggi ho corso oltre 200 maratone e negli ultimi anni mi sono appassionato anche alle 100 km, e con mia sorella, anche tramite il nostro negozio, cerchiamo di trasmettere a tutti l’amore per la corsa.

IL SUO LIBRO

copertina_def_home

A fine maggio 2016 è uscito il libro Correre è la mia vita, scritto insieme al mio amico e collega di corsa Daniele Ottavi, più esperto di me in materia di scrittura. Nel libro abbiamo raccontato la mia storia. Avete imparato a conoscermi nel tempo e sapete quanto sono timido e con poca voglia di raccontarmi, ma questa volta mi sono fatto convincere. L’uscita ufficiale è stata il 24 maggio, ma è possibile acquistare il libro con un pre-ordine sul sito www.correreelamiavita.it, con la possibilità di ritiro sia presso la sede dell’editore a Milano, sia presso il mio negozio di sport a Roma… con tanto di autografo! Se dovessi spiegare cosa racconta Correre è la mia vita, direi che il filo conduttore è la libertà, uno dei principi a me più cari e che mi ha da sempre caratterizzato. Correre è libertà, è entusiasmo, è gioia. La corsa è una passione che scalda il corpo e l’anima, che mi aiuta a superare i momenti difficili e che esalta quelli speciali. Nella corsa la parola costanza è sinonimo di passione e non di imposizione: è un volere spontaneo, un piacere che non mi fa pesare quello che faccio. Ed è questa naturalezza, raccontata anche nel libro, che mi ha portato dieci volte consecutive alla vittoria della 100 km del Passatore e che mi ha visto tre volte campione del mondo nell’ultramaratona. E non solo. Il libro descrive le mie emozioni nelle scelte prese e nei traguardi raggiunti nella vita come nella corsa, perché come mi ripeteva spesso mio padre: «Correre è vita», la mia vita.

LA SQUADRA: CALCATERRA SPORT ASD

ASD CALCATERRA

Giorgio Calcaterra è il presidente della Calcaterra Sport ASD, una società nata nel 2013. Chi è interessato può scegliere se tesserarsi con l’ente AICS o affiliarsi FIDAL, che darà diritto sia alla tessera che all’iscrizione da parte nostra alle gare del calendario sociale e ove presente di utilizzare il nostro gazebo.

DICONO DI LUI

MARINELLA SATTA Giorgio ha sempre amato le maratone, è un ottimo maratoneta con buoni risultati. Uno che ha sempre fatto molte maratone, sempre con il sorriso. Allungare alla 100 km è stato un gioco da ragazzi. Lo stimo molto, pur con tutti i suoi successi, mi sembra che sia sempre umile.

CARLO ASCOLI Al momento in Italia non c’è nessuno forte come lui. Mi sarebbe piaciuto vedere il Passatore, Campionato del Mondo della 100 km in questi anni. Calcaterra spesso non è stato fortunato al Mondiale anche se ne ha vinti 3. Credo che un Mondiale conquistato a Faenza sarebbe stato fantastico (sono convinto che Giorgio ci avrebbe fatto sicuramente questo regalo).

GIULIANA MONTAGNIN Calcaterra è molto forte, sembra imbattibile.

TIZIANA BINI Lo sportivo che preferisci e perché? Giorgio Calcaterra per la sua umiltà.

GIUSEPPE MALDERA Lo sportivo che preferisci? Giorgio Calcaterra.

GIANNA PINO SPATUZZO Lo sportivo che preferisci e perché? Giorgio Calcaterra, perché è una persona speciale, semplice, oltre che un campione.

FONTE: www.giorgiocalcaterra.com – www.calcaterrasport.it

Nikolina Sustic e Giorgio Calcaterra


[1] Cfr. http://statistik.d-u-v.org/getresultperson.php?runner=6861.

Il Trofeo vinto per il Passatore 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.