Statistiche web Lo yoga può veramente aiutare i runner - IUTA Italia

Lo yoga può veramente aiutare i runner

La maggior parte dei corridori ama sudare: ci si sente soddisfatti dopo aver fatto un buon allenamento. È per questo che è così difficile convincere i corridori a raccogliere i benefici della corsa lenta, e potrebbe anche essere il motivo per cui non hanno ancora provato lo yin yoga.

I noti stili di yoga insegnati nei corsi di power, flow o hot yoga si rivolgono agli atleti che desiderano un aumento della frequenza cardiaca nella loro vita. Questi stili sono più orientati all’estetica, mentre lo yin è sempre più basato sulla scienza.

Abbiamo tre posizioni fondamentali da provare. Trovate un posto comodo e tranquillo, prendete qualche cuscino e una pila di libri come sostegno e sistematevi. Le posizioni yin sono tradizionalmente tenute per un massimo di 10 minuti: per cominciare, puntate a tre, e regolatevi se sentite dolore o intorpidimento. 

Nello yin, come nella corsa, un po’ di disagio è una buona cosa: significa che il lavoro è stato fatto.

Farfalla seduta

Da seduti, unite le piante dei piedi e poi allontanatele da voi. Lasciando arrotondare la schiena, piegatevi in avanti, appoggiando leggermente le mani sui piedi o sul pavimento di fronte a voi. La testa deve pendere verso i talloni. Rilassate il viso, rallentate il respiro e lasciate che il corpo si ammorbidisca nella posizione.

Perché

La posizione della farfalla allunga la parte bassa della schiena senza richiedere l’allentamento dei tendini del ginocchio. Se le gambe sono più dritte e i piedi sono lontani dall’inguine, i bicipiti femorali vengono allungati maggiormente. Se i piedi sono più vicini all’inguine, i muscoli adduttori (lungo l’interno della coscia) sono più sollecitati. Giocate con la posizione per trovare il punto in cui sentite un allungamento profondo.

Posizione del ponte sostenuta

Iniziare in posizione supina con le ginocchia piegate. Sollevate i fianchi abbastanza da far scivolare un blocco, un bolster o l’equivalente casalingo (alcuni cuscini solidi o diversi libri) sotto il bacino. Assicuratevi che il supporto sia sotto il bacino e la zona sacrale, e non sotto la schiena.

Perché

Questa posizione scioglie la tensione dell’osso sacro e della parte bassa della schiena. Se si portano le braccia sopra la testa, si percepisce anche uno stiramento delle braccia e delle spalle. Per molti allievi, avere le braccia in alto crea anche una piacevole tensione nella parte bassa della pancia. Si può avvertire questa sensazione anche nei flessori dell’anca (muscoli che si trovano nella parte anteriore dell’anca).

Posizione del drago

Fate un passo in avanti con il piede sinistro, leggermente più largo dei fianchi, appoggiando le mani o gli avambracci all’interno della gamba sinistra sul pavimento. Tenere premuto, quindi ripetere sull’altro lato. Si possono provare diverse varianti di questa posizione, portando gli avambracci a terra per aumentare la tensione o appoggiando le mani sul pavimento come sostegno.

Perché

Questa posizione agisce sui flessori dell’anca della gamba posteriore. La corsa può causare una tensione dei flessori dell’anca, che si ripercuote su altre aree del corpo. Questa posizione viene percepita anche nell’interno coscia e nell’inguine della gamba anteriore, aree fondamentali per la stabilità delle ginocchia.

Ricordate di rilasciare delicatamente ogni posizione dopo averla tenuta per qualche minuto e di rimanere fermi per qualche istante prima della posizione successiva.

Una volta completate le posizioni, rilasciate tutto il corpo e lasciate che tutto si rilassi per godervi il beato savasana (posizione del cadavere), la tradizionale conclusione di ogni pratica yoga.

Posizione della farfalla

19.09.2022     www.runcard.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.