Statistiche web La recente prestazione di Sorokin nella 100 km potrebbe non essere riconosciuta da WA? - IUTA Italia

La recente prestazione di Sorokin nella 100 km potrebbe non essere riconosciuta da WA?

https://www.iutaitalia.it/public/image/Herron%20Camille%20and%20Andy%20Milroy.jpgRiceviamo dall’amico Andy Milroy questo suo scritto:

Il rifiuto del 6:05:41 di Aleksandr Sorokin da parte di World Athletics rende la questione ancora più importante. World Athletics ha detto che poiché è stato impostato su una pista, il 6:05:41 di Aleksandr Sorokin non è idoneo per essere ratificato come record mondiale di 100 km. L’evento di corsa su pista più lungo che riconoscono è di 30.000 metri. La presentazione di seguito, spiega perché avere un solo record per ogni evento, danneggia l’Ultrarunning, limitando i finanziamenti sia ai corridori d’élite che alle gare ultra…

La forza trainante del passaggio all’IAU con un solo record per evento sembra essere un’esigenza burocratica di un libro dei record pulito e ordinato. Le complicazioni di avere tre record – pista, strada e indoor sono state dispendiose in termini di tempo e meno chiare, ma riflettevano la natura dinamica del nostro sport.

Gli eventi ultra sono diminuiti e fluiti dal 1800 in poi e gradualmente sono emerse tendenze moderne. È spesso da eventi di nicchia geograficamente isolati che emergono tali tendenze, a volte anche segni individuali una tantum stabiliti da un individuo. 

I limiti del riconoscimento ufficiale

World Athletics ha riconosciuto solo un sottoinsieme di un evento ultra, la 100 km su strada (espansa molto di recente per includere anche la 50 km su strada). . 

Pertanto, molti eventi di ultramaratona sono sempre più al di fuori del mandato e del riconoscimento dell’IAU. Ciò avrà un impatto sulla sua pertinenza e credibilità percepite.

La necessità di una maggiore copertura mediatica

World Athletics si vede in competizione con Soccer per una maggiore copertura mediatica globale. È necessaria una maggiore copertura mediatica per attirare più finanziamenti nello sport. Questo è il motivo per cui WA ha notevolmente ampliato le sue liste di record per includere Road e Indoors e ha notevolmente ampliato il numero di eventi femminili riconosciuti.  

Questo è il motivo per cui inizialmente erano interessati all’IAU, incorporando un filone diverso, le ultramaratone, nel loro “portfolio” di eventi. 

La spinta per più record mondiali

Nuovi eventi e formati di atletica leggera vengono aggiunti. Gli eventi di atletica leggera femminile sono stati notevolmente aumentati fino a quasi la parità con gli uomini. City Games, staffette, luci di stimolazione per record, eventi sul campo nei centri commerciali….

Nuovi record mondiali sono stati avviati come le staffette miste.

Quindi WA ha una chiara politica di più record mondiali, riconoscendo record separati su pista , su strada e indoor e ora più record di staffetta.

Allora perché  l’IAU è in conflitto con la chiara politica sui media di WA per aumentare la copertura dei media atletici?

L’IAU, sebbene parte di World Athletics, ha deciso di andare in una direzione totalmente opposta, per ridurre deliberatamente le sue opportunità sui media riducendo notevolmente il numero di opportunità di record e ha persino pensato di ridurre ulteriormente la sua lista di record. 

Il fattore scatenante per il passaggio a un set di record Ultra significativamente più ristretto, qualcuno potrebbe dire più impoverito, è stato lo sviluppo disordinato e persino caotico dell’ultrarunning indoor. Non esisteva un formato coeso per le ultra-gara indoor. 

Questo è il motivo per cui quando ero detentore del record IAU negli anni ’80 e ’90, non includevamo i record indoor. I tempi non erano maturi. La situazione non è cambiata molto.

Sfortunatamente l’IAU ha scelto di far scodinzolare il cane e ha tentato di risolvere il problema dell’ultramaratona indoor inserendo i record di Track and Road in una sola categoria, insieme a quelli indoor, nel tentativo di mettere ordine nei record della categoria più piccola di eventi ultra.

L’impatto della revisione della politica di registrazione IAU

La nuova politica sui record avvantaggia gli Ultrarunners? Questa dovrebbe essere sempre la domanda chiave.

In effetti, la diminuzione dei record limita le opportunità per i corridori di stabilire record e quindi limita le opportunità per lo sport di apparire nei media. 

A sua volta ciò limita le opportunità di ottenere sponsorizzazioni, sia personali per i corridori che per le gare. La mancanza di copertura mediatica non incoraggia gli aspiranti sponsor a investire in corridori e gare. Ciò ha un impatto finanziario negativo sullo sport. 

Quando l’IAU limita la sua lista di record, lascia un vuoto. Il vuoto incoraggerà lo sviluppo di organizzazioni potenzialmente concorrenti come GOMU (Global Organization of Multi-Day Ultramarathoners).

Solo la mia opinione?

Questo può essere respinto come solo la mia opinione. Ma le strategie record totalmente contraddittorie di World Athletics e dell’International Association of Ultrarunners sembrano strane, in particolare in quanto entrambe hanno la corsa al centro.

Forse la differenza può essere vista nel fatto che World Athletics ha il vantaggio dei consigli e dell’esperienza di esperti di marketing a cui attingere, esperti abili nello sviluppo di imballaggi e progetti per attirare sponsorizzazioni e finanziamenti. La WA Record Strategy è parte integrante della sua strategia di marketing e raccolta fondi ed è anche fondamentale nella sua strategia mediatica globale.

Eppure, sfortunatamente, l’attrazione e i punti di forza dell’Ultramarathon World sono deliberatamente trascurati a causa delle politiche sui record della IAU che limitano i finanziamenti allo sport.

Andy Milroy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *