Grand Prix Iuta

GP Iuta ALBO d'ORO
GP Iuta 2020 UltraTrail
GP Iuta 2020 Ultramaratona
GP Iuta 2019 UltraTrail
GP Iuta 2019 Ultramaratona
GP Iuta 2019 Combinata Club
GP Iuta 2018 UltraTrail
GP Iuta 2018 Ultramaratona
GP Iuta 2018 Combinata Club
GP Iuta 2017 UltraTrail
GP Iuta 2017 Ultramaratona
GP Iuta 2017 Combinata Club
GP Iuta 2016 UltraTrail
GP Iuta 2016 Ultramaratona
GP Iuta 2016 Combinata CLUB
GP Iuta 2015 UltraTrail
GP Iuta 2015 Ultramaratona
GP Iuta 2014 UltraTrail
GP Iuta 2014 Ultramaratona
GP Iuta 2013 UltraTrail
GP Iuta 2013 Ultramaratona
GP Iuta 2012 UltraTrail
GP Iuta 2012 Ultramaratona
GP Iuta 2011 - classifiche
GP Iuta 2010 - classifiche
GP Iuta 2009 - classifiche
GP Iuta 2008 - classifiche
GP Iuta 2007 - classifiche
GP Iuta 2006 - classifiche
GP Iuta 2005 - classifiche
GP Iuta 2004 - classifiche
GP Iuta 2003 - classifiche
* * * * * * * * * * * * * * * *

Calendari

Calendari Campionati IUTA
Camp. Italiani Iuta 2020
Camp. Italiani Iuta 2019 CLUB
Camp. Italiani Iuta 2019
Camp. Italiani Iuta 2018
Camp. Italiani Iuta 2018 CLUB
Camp. Italiani Iuta 2017
Camp. Italiani Iuta 2016
Camp. Italiani Iuta 2015
Camp. Italiani Iuta 2014
Camp. Italiani Iuta 2013
Camp. Italiani Iuta 2012
Camp. Italiani Iuta 2011
Camp. Italiani Iuta 2011
Camp. Italiani Iuta 2010
Camp. Italiani Iuta 2008
Camp. Italiani Iuta 2007
Camp. Italiani Iuta 2006
Camp. Italiani Iuta 2005
Camp. Italiani Iuta 2004
Camp. Italiani Iuta 2003
Camp. Italiani Iuta 2002
Camp. Italiani Iuta 2001
Calendari Internazionali
Calendario IAU 2016
Calendario IAU 2015
Calendari Nazionali
2020 Calendario Iuta U-T
2020 Calendario Iuta U-M
2019 Calendario Iuta U-M
2019 Calendario Iuta U-T
2018 Calendario Iuta U-M
2018 Calendario Iuta U-T
2017 Calendario Iuta U-M
2017 Calendario Iuta U-T
2016 Calendario Iuta U-T
2016 Calendario Iuta U-M
2015 Calendario Iuta U-M
2015 Calendario Iuta U-T
2014 Calendario Iuta
2013 Calendario Iuta
2012 Calendario Iuta
2011 Calendario Iuta
2010 Calendario Iuta
2009 Calendario Iuta
2008 Calendario Iuta
2007 Calendario Iuta
2006 Calendario Iuta
2005 Calendario Iuta
2004 Calendario Iuta
2003 Calendario Iuta
2002 Calendario Iuta
2001 Calendario Iuta
2000 Calendario Iuta
1999 Calendario Iuta
Circuiti
CrIUTAerium 2015 class donne
CrIUTAerium 2015 class uomini
CrIUTAerium 2015 regolamento
Varie
Camp. ItalianI FIDAL all time

Adotta il percorso

Premessa

Antidoping

Norme Antidoping (nadoitalia.it)

ATLETI di interesse IUTA

Progetto Atleti di interesse IUTA

C.I. IUTA di combinata IND

C.I. Iuta 2019 - REG

Camp. Ita. IUTA per CLUB

Classifica 2^ edizione (2019)

Challenge patrocinio Iuta

Challenge L.Orta 50Km in 20giorni

Convenzioni per tesserati

Elenco convenzioni

Cosa fa la IUTA

Cosa fa la IUTA

IAU: documenti / moduli

Istruzioni per le classifiche

Incentivi Organizzatori

Incentivi gare SU PISTA 2019

IUTA: cert.percorsi

6 Ore Templari 2011

IUTA: criteri di selezione

Criteri di selezione 2019 CM 24 ore

IUTA: relazioni di convegni e seminari

Accinni CNR - Marcatori biochimici di equilibrio cellulare e stress ossidativo

MODULI IUTA 2020

LISTA MODULI 2020

Normative e quote IUTA 2015

Classi di Qualità IUTA 2015

Normative e quote IUTA 2016

Classi di Qualità IUTA 2016

Normative e quote IUTA 2017

Classi di Qualità IUTA 2017

Normative e quote IUTA 2018

NORMATIVE e QUOTE 2018

Normative e quote IUTA 2019

NORMATIVE e QUOTE 2019

Normative e quote IUTA 2020

NORMATIVE e QUOTE 2020

Organigramma IUTA

organigramma IUTA 2017-2020 al 20.02.2020

OverChallangeTrail

OCT 2015 class. femminile

Regolamenti gare ist. U-M

26 settembre 2020_6 ORE DI AZZANO SAN PAOLO (Bg)

Regolamenti gare ist. U-T

2020.06.14 Villa Lagarina

Statuto IUTA

Statuto - 6 gennaio 2009

Tesserati IUTA 2019

Elenco tesserati Iuta al 19.9.2019

Tesserati IUTA 2020

Elenco tesserati Iuta al 7.3.2020

Tesserati IUTA anni prec.

Tesserati IUTA 2018

Tracce GPS

ARCHIVIO TRACCE GPS

Trofeo delle Regioni

Regolamento TdR 2019

Verifica gli Iscritti

Presentazione

Youri - raccolta pile

Volantino di presentazione


Gruppi Sportivi -link-

- Asd Villa De Sanctis
- GSD Mombocar
- Amatori Atletica Chirignago
- Bergamo Stars Atletica
- Sport Events Cortona

Siti Amici -link-

- Lupatotissima
- Magraid
- Corsa in montagna
- Run Today
- 100 km del Passatore
- Podisti Net
- CorriUmbria
- Il Blog di Sir Marathon
- il blog di Enrico Vedilei
- Ultrasport maratone e dintorni
- Spiritotrail
- AndòCorri


News del :15-2-2020, 10:03 Scritta da: Stefano.64
L'infortunio al polpaccio
Che cos’è uno stiramento del polpaccio?
In ambito medico, i muscoli del polpaccio vengono chiamati collettivamente “tricipiti surale”, perché ce ne sono tre.
Due dei tre sono la testa mediale e la testa laterale del gastrocnemio, che è il muscolo a cui la maggior parte delle persone pensa quando sente il termine “polpaccio teso”.
Ma il tricipite surale comprende anche il soleo, che è un muscolo più corto e sottile che si collega al tendine d’Achille e corre più basso e più profondo dei due capi del gastrocnemio.
Uno sforzo del polpaccio può consistere in una lesione a una qualsiasi di queste tre unità muscolari.
I ceppi gastrocnemici sono abbastanza facili da identificare.
 
Sentirete dolore, indolenzimento e tensione in profondità nei muscoli lungo la parte posteriore della parte inferiore della gamba. Fare un classico “allungamento del polpaccio” spesso provoca dolore, così come l’alzata del polpaccio.
A seconda della gravità dello sforzo, si può avere o meno dolore mentre si cammina.
Gli stiramenti del soleo sono un po’ più difficili da diagnosticare, perché a volte possono mascherarsi da problemi al tendine d’Achille se si verificano abbastanza in basso lungo il muscolo.
Come uno sforzo gastrocnemico, si avrà dolore, tensione e dolore nel muscolo del soleo. Gli stiramenti del soleo possono essere distinti da uno stiramento gastrocnemico, confrontando il dolore provocato da un tradizionale stiramento del polpaccio a gamba dritta con quello provocato da un allungamento del polpaccio a ginocchio piegato.
Poiché i muscoli gastrocnemio attraversano l’articolazione del ginocchio, ma il soleo non lo fa, uno sforzo “gastrocnemio” non sarà così doloroso con il ginocchio piegato, mentre uno sforzo soleo sarà spesso più doloroso.
Il gastrocnemio è più soggetto a lesioni per due motivi.
In primo luogo, attraversa due articolazioni (la caviglia e il ginocchio), e in secondo luogo, ha una maggiore proporzione di fibre muscolari di tipo veloce.
Entrambi questi significa che c’è un aumento del carico meccanico sul muscolo, predisponendolo a lesioni. Al contrario, il soleo attraversa solo un’articolazione, e ha fibre muscolari a contrazione più lenta.
Mentre è abbastanza facile diagnosticare uno sforzo vitello senza alcun test medico avanzato, una risonanza magnetica è a volte giustificata se un medico vuole maggiori informazioni sulla posizione esatta o la gravità della lesione. Questo è di solito usato in gravi tensioni e lacerazioni franche al muscolo.
Ci sono probabilmente radici biomeccaniche per le ricorrenti deformazioni del polpaccio, sia per ragioni anatomiche che di andatura, alcune persone si affidano più ai muscoli del polpaccio per generare potenza, o hanno una struttura muscolare che è meno in grado di gestire carichi elevati.
Un altro fattore di rischio per i polpacci è l’età.
Uno studio condotto da ricercatori a Sydney in Australia, suggerisce una connessione tra problemi alla schiena e lesioni ai polpacci.
Nel loro studio, dimostrano che gli infortuni a livello di L5-S1 sono sempre più comuni man mano che i giocatori di calcio australiani invecchiano, e ipotizzano che la compressione dei nervi in quest’articolazione spinale potrebbe spiegare perché gli strappi ai polpacci, ma non alcuni altri tipi di strappi muscolari, sono anche più comuni man mano che i giocatori invecchiano.
Anche se questo non è stato convalidato da studi indipendenti, è comunque una strada interessante per spiegare, perché le tensioni del polpaccio si verificano più spesso negli atleti più anziani.
Una volta che hai subito uno sforzo al polpaccio, dovresti trattarlo con due strategie: ridurre lo stress sul polpaccio per permettergli di guarire, e lavorare per rafforzare il muscolo del polpaccio in modo che sia più resistente in futuro.
Ovviamente, la vostra priorità iniziale è quella di ridurre lo stress e permettere la guarigione, mentre più avanti nel processo di recupero, la vostra attenzione dovrebbe passare alla riabilitazione e all’aumento della resilienza del muscolo leso.
Quando si tratta di ridurre lo stress sul polpaccio, probabilmente sapete già cosa fare: smettete di correre, allenatevi per un po’ e, se correte, evitate le alte velocità, le colline ripide e le scarpe con un’aggressiva caduta da un tallone all’altro.
Un modo meno ovvio per ridurre lo stress sul polpaccio è valutare se ci sono carenze nella deambulazione o nella forza muscolare, che aumentano lo stress sui muscoli del polpaccio quando si corre.
Poiché i polpacci aiutano a farvi alzare da terra, alcune semplici analisi biomeccaniche prevedono che se avete una carenza nei muscoli glutei (l’altro gruppo muscolare principale che vi fa alzare da terra), potreste aver bisogno di affidarvi maggiormente ai polpacci per la propulsione in avanti.
Pertanto, il rafforzamento dei muscoli dell’anca dovrebbe essere una priorità.
Una routine standard per la forza dell’anca, che include ponti glutei e sollevamenti a conchiglia.
Migliorare la resistenza dei muscoli del polpaccio è un po’ più difficile.
Dovrete sviluppare un programma di riabilitazione completo per i muscoli del polpaccio, che inizia con semplici esercizi a basso carico e progredisce nel tempo fino ad arrivare ad esercizi più pesanti e complessi.
Trattamenti secondari
Gli infortuni ai polpacci hanno la brutta abitudine di diventare lesioni croniche.
Alcuni professionisti del settore medico sospettano che ciò sia dovuto al fatto che si crea tessuto cicatriziale o aderenze muscolari, che possono predisporre la zona a essere nuovamente ferita o impedire la guarigione in primo luogo.
Anche se non esiste una solida ricerca scientifica a sostegno di questo, molti corridori riferiscono di aver avuto successo con terapie incentrate sulla rottura del tessuto cicatriziale o delle aderenze.
Questo può essere semplice come rotolare su un rullo di schiuma.
Impostare un timer e rotolare per 2 minuti interi, partendo dalla parte inferiore del muscolo del polpaccio e gradualmente, impostando il movimento verso l’alto, poi rotolare indietro verso il basso in un unico movimento liscio prima di ripetere.
Per il supporto, potreste trovare utili anche calze a compressione graduata o una manica per polpacci. Assicuratevi di misurare la circonferenza del polpaccio e della caviglia in modo da poter ottenere la taglia corretta.
www.runcard.com
 
Area riservata

Nickname :

Password :

Recupera user/password

 

Registrati alla newsletter


Sponsor / Eventi


























































copyright IUTA Per domande su questo sito Web contattare
IutaItalia by JotaroKujo is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia LicenseBased on a work at www.iutaitalia.it
Creative Commons License