Grand Prix Iuta

GP Iuta ALBO d'ORO
GP Iuta 2020 UltraTrail
GP Iuta 2020 Ultramaratona
GP Iuta 2019 UltraTrail
GP Iuta 2019 Ultramaratona
GP Iuta 2019 Combinata Club
GP Iuta 2018 UltraTrail
GP Iuta 2018 Ultramaratona
GP Iuta 2018 Combinata Club
GP Iuta 2017 UltraTrail
GP Iuta 2017 Ultramaratona
GP Iuta 2017 Combinata Club
GP Iuta 2016 UltraTrail
GP Iuta 2016 Ultramaratona
GP Iuta 2016 Combinata CLUB
GP Iuta 2015 UltraTrail
GP Iuta 2015 Ultramaratona
GP Iuta 2014 UltraTrail
GP Iuta 2014 Ultramaratona
GP Iuta 2013 UltraTrail
GP Iuta 2013 Ultramaratona
GP Iuta 2012 UltraTrail
GP Iuta 2012 Ultramaratona
GP Iuta 2011 - classifiche
GP Iuta 2010 - classifiche
GP Iuta 2009 - classifiche
GP Iuta 2008 - classifiche
GP Iuta 2007 - classifiche
GP Iuta 2006 - classifiche
GP Iuta 2005 - classifiche
GP Iuta 2004 - classifiche
GP Iuta 2003 - classifiche
* * * * * * * * * * * * * * * *

Calendari

Calendari Campionati IUTA
Camp. Italiani Iuta 2020
Camp. Italiani Iuta 2019 CLUB
Camp. Italiani Iuta 2019
Camp. Italiani Iuta 2018
Camp. Italiani Iuta 2018 CLUB
Camp. Italiani Iuta 2017
Camp. Italiani Iuta 2016
Camp. Italiani Iuta 2015
Camp. Italiani Iuta 2014
Camp. Italiani Iuta 2013
Camp. Italiani Iuta 2012
Camp. Italiani Iuta 2011
Camp. Italiani Iuta 2011
Camp. Italiani Iuta 2010
Camp. Italiani Iuta 2008
Camp. Italiani Iuta 2007
Camp. Italiani Iuta 2006
Camp. Italiani Iuta 2005
Camp. Italiani Iuta 2004
Camp. Italiani Iuta 2003
Camp. Italiani Iuta 2002
Camp. Italiani Iuta 2001
Calendari Internazionali
Calendario IAU 2016
Calendario IAU 2015
Calendari Nazionali
2020 Calendario Iuta U-M
2020 Calendario Iuta U-T
2019 Calendario Iuta U-M
2019 Calendario Iuta U-T
2018 Calendario Iuta U-M
2018 Calendario Iuta U-T
2017 Calendario Iuta U-M
2017 Calendario Iuta U-T
2016 Calendario Iuta U-T
2016 Calendario Iuta U-M
2015 Calendario Iuta U-M
2015 Calendario Iuta U-T
2014 Calendario Iuta
2013 Calendario Iuta
2012 Calendario Iuta
2011 Calendario Iuta
2010 Calendario Iuta
2009 Calendario Iuta
2008 Calendario Iuta
2007 Calendario Iuta
2006 Calendario Iuta
2005 Calendario Iuta
2004 Calendario Iuta
2003 Calendario Iuta
2002 Calendario Iuta
2001 Calendario Iuta
2000 Calendario Iuta
Circuiti
CrIUTAerium 2015 class donne
CrIUTAerium 2015 class uomini
CrIUTAerium 2015 regolamento
Varie
Camp. ItalianI FIDAL all time

Adotta il percorso

Premessa

Antidoping

Norme Antidoping (nadoitalia.it)

ATLETI di interesse IUTA

Lista atleti UNDER 35

C.I. IUTA di combinata IND

C.I. Iuta 2019 - REG

Camp. Ita. IUTA per CLUB

Classifica 2^ edizione (2019)

Challenge patrocinio Iuta

Challenge L.Orta 50Km in 20giorni

Convenzioni per tesserati

Elenco convenzioni

Cosa fa la IUTA

Cosa fa la IUTA

IAU: documenti / moduli

Istruzioni per le classifiche

Incentivi Organizzatori

Incentivi gare SU PISTA 2019

IUTA: cert.percorsi

6 Ore Templari 2011

IUTA: criteri di selezione

Criteri di selezione 2019 CM 24 ore

IUTA: relazioni di convegni e seminari

Accinni CNR - Marcatori biochimici di equilibrio cellulare e stress ossidativo

MODULI IUTA 2020

LISTA MODULI 2020

Normative e quote IUTA 2015

Classi di Qualità IUTA 2015

Normative e quote IUTA 2016

Classi di Qualità IUTA 2016

Normative e quote IUTA 2017

Classi di Qualità IUTA 2017

Normative e quote IUTA 2018

NORMATIVE e QUOTE 2018

Normative e quote IUTA 2019

NORMATIVE e QUOTE 2019

Normative e quote IUTA 2020

NORMATIVE e QUOTE 2020

Organigramma IUTA

organigramma IUTA 2017-2020 al 20.02.2020

OverChallangeTrail

OCT 2015 class. femminile

Regolamenti gare ist. U-M

16_18 ottobre 2020_reg L ULTIMO SOPRAVVISSUTO_CASTELLANETA MARINA (TA)

Regolamenti gare ist. U-T

2020.06.14 Villa Lagarina

Statuto IUTA

Statuto - 6 gennaio 2009

Tesserati IUTA 2019

Elenco tesserati Iuta al 19.9.2019

Tesserati IUTA 2020

Elenco tesserati Iuta al 7.3.2020

Tesserati IUTA anni prec.

Tesserati IUTA 2018

Tracce GPS

ARCHIVIO TRACCE GPS

Trofeo delle Regioni

Regolamento TdR 2019

Verifica gli Iscritti

Presentazione

Youri - raccolta pile

Volantino di presentazione


Gruppi Sportivi -link-

- Asd Villa De Sanctis
- GSD Mombocar
- Amatori Atletica Chirignago
- Bergamo Stars Atletica
- Sport Events Cortona

Siti Amici -link-

- Lupatotissima
- Magraid
- Corsa in montagna
- Run Today
- 100 km del Passatore
- Podisti Net
- CorriUmbria
- Il Blog di Sir Marathon
- il blog di Enrico Vedilei
- Ultrasport maratone e dintorni
- Spiritotrail
- AndòCorri


News del :7-2-2020, 10:55 Scritta da: Stefano.64
Il diario del corridore
Molti di noi hanno un diario o agenda, nella quale inserire i propri dati personali, gli impegni, gli appuntamenti, le spese, i numeri di telefono e altro. Se avere un simile taccuino è importante per una persona comune, lo è oltre più per un corridore. Infatti, questi probabilmente avrà un programma da svolgere, uno effettivamente svolto, delle gare a cui partecipare, dei record personali, degli obiettivi da raggiungere. Il diario così diventa uno strumento indispensabile, da aprire non soltanto al momento della sua compilazione, ma altresì per verificare gli allenamenti svolti e le gare a cui si è partecipato. Questo strumento riveste un’importanza fondamentale sia per l’atleta sia per il tecnico programmatore e supervisore dello sportivo. Come al solito, il lavoro non è mai soltanto del singolo, ma il più delle volte è un lavoro di équipe.
Il diario può essere compilato nel formato cartaceo, oppure anche riportando i propri dati nel computer, in maniera tale da vere a disposizione una banca dati che risulta utile per il continuo adattamento del programma di allenamento.
Poiché il programma che si svolge dovrà essere quanto più “scientifico”, ovvero basarsi su distanze e ritmi in funzione della gara che si prepara e delle condizioni fisiche dell’atleta, i test saranno un utile strumento di programmazione e di verifica, possibilmente da ripetersi nel corso della stagione. Quindi bisognerà conoscere i ritmi da seguire in allenamenti e gare. Il corridore avrà una tabella in cui inserire i propri ritmi personali, ovviamente con valori indicativi, che potranno variare nel corso della stagione, anche in relazione al grado di forma raggiunto.
Il termine diario deriva dal latino diarium = vitto giornaliero, usato di solito al plurale, diaria -orum e nel latino tardo con il significato di “registro giornaliero”, derivato dal latino dies = giorno. Con esso s’intende la forma elementare di storia in cui gli avvenimenti sono registrati quotidianamente. Nell’uso più comune, esso indica il quaderno o simili, nel quale si annotano e si commentano giorno per giorno gli avvenimenti che si reputano più importanti, e specialmente le proprie vicende intellettuali e sentimentali, si esprimono pensieri, osservazioni e sovente confessioni intime e segrete. Il vocabolo diario è usato anche per indicare il registro giornaliero[1].
Il termine agenda deriva dal latino agenda, gerundivo neutro plurale di agĕre = fare; propriamente “cose da fare”. Esso sta a indicare il taccuino in cui sono annotati i giorni dell’anno e si segnano le cose da farsi via via ogni giorno: agenda tascabile, agenda da tavolino[2].Nel campo sportivo, i due termini diario e agenda possono essere utilizzati in modo interscambiabile per indicare il quaderno in cui l’atleta riporta i dati fondamentali della sua vita da sportivo o da parte del tecnico per gli allievi che ha in cura. È in primo luogo il quaderno in cui si resocontano allenamenti e gare.
L’allenamento è un processo programmatico in continua evoluzione, non è certo frutto di improvvisazione. Ai nostri giorni programmare l’allenamento è divenuto più che mai una necessità, al fine di poter seguire il processo di crescita del singolo atleta, e per poter stabilire la positività di una strategia metodologica applicata sullo stesso. Il progresso della metodologia dell’allenamento, il suo divenire, la sua continua azione nella regolazione periodica e anche quotidiana, necessitano di un controllo costante del carico esterno (l’insieme delle esercitazioni svolte), ma ancor di più, dei suoi effetti sul carico interno (costo energetico che l’organismo deve sopportare nell’esecuzione di un’esercitazione, cioè un carico o la somma dei carichi di lavoro). Al fine di attuare tutto ciò, sarà necessario che l’intera struttura dell’allenamento sia descritta anche nei suoi particolari più minuziosi, pure quelli che a prima vista potrebbero apparire di alcuna importanza, in quanto la spiegazione di un risultato potrebbe dipendere proprio da esso. Quindi è di fondamentale importanza tenere aggiornato lo sviluppo dell’allenamento per mezzo del resoconto quotidiano dei dati fondamentali:
- dell’allenamento programmato;
- dell’allenamento effettivamente svolto;
- delle reazioni fisiologiche e psichiche dell’atleta.
Il tutto costituisce il diario dell’allenamento.
Bisogna tenere presente che il lavoro programmato sovente differisce da quello effettivamente realizzato; quindi non è sufficiente produrre o esaminare il singolo programma di allenamento stabilito, quanto risulta più importante e determinante avere il riscontro di ciò che si è potuto realmente svolgere.
Il diario sarà perciò il taccuino in cui si annotano, giornalmente:
- il luogo, le condizioni ambientali e l’orario dell’allenamento;
- la struttura dell’allenamento svolto;
- le impressioni personali;
- le osservazioni;
- lo stato di salute (peso corporeo, frequenza cardiaca a riposo, ecc.);
- la difficoltà che si è riscontrata;
- tutto quanto si reputa importante mettere in evidenza.
In definitiva, il diario, sarà il “mio diario”, nel senso che ogni singolo atleta adotterà un suo personale modo di redarlo.
Per la verità ancora oggi sono alquanto pochi coloro che fanno utilizzo di quest’importantissimo ausilio, poiché numerosi altri lo ritengono soltanto una perdita di tempo. Ciò accade anzitutto negli sport di squadra, in cui, in genere, è unicamente il tecnico a trascrivere la struttura del lavoro svolto. Quand’egli lo compie, in ogni modo tali appunti concernono soltanto il lavoro effettuato in forma collettiva, e quasi mai il lavoro individuale e, conseguentemente, non si riporta l’allenamento nelle sue strutture; ovviamente ne saranno trascritte soltanto le sue sensazioni personali.
Generalmente l’allenatore non può essere nelle condizioni di archiviare meticolosamente, su ogni singolo atleta, ciò che viene svolto, anche dal momento che solitamente il numero dei suoi atleti è considerevole; per cui, anche nel caso desiderasse compilarlo, sarebbe un’operazione, che implica una notevole perdita di tempo.
Appare evidente che l’atleta spesso non è in grado all’inizio di gestire il proprio diario. Nel qual caso dovrà essere proprio l’allenatore a operare, affinché questi si renda conto di ciò che deve fare, come lo deve fare e - cosa più importante - scrivere la verità su ciò che si è svolto e delle sensazioni avute, sia in campo che nelle ore successive.
 

[1] Cfr. “Diario”, in DEI, vol. IV, Roma 1956, 20.
[2] Cfr. “Agenda”, in DEI, vol. I, Roma 1955, 163.

 

 

 

 

 

 

Area riservata

Nickname :

Password :

Recupera user/password

 

Registrati alla newsletter


Sponsor / Eventi


























































copyright IUTA Per domande su questo sito Web contattare
IutaItalia by JotaroKujo is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia LicenseBased on a work at www.iutaitalia.it
Creative Commons License